PROGETTO: agricoltura e allevamento

Per formare piccole cooperative di agricoltori ed allevatori.

Data inserimento progetto: 3 gennaio 2018

Senz’altro la zona di Babonde e del circondario è una zona a vocazione agricola.

Economia di sussistenza, lontana dalle città, in piena foresta equatoriale, fuori dalle strade di grande comunicazione, Babonde non offre molte possibilità certe di lavoro.

O si fa bene l’agricoltura o si fa la fame. O si fa bene l’allevamento o la carne la si mangia solamente nelle grandi occasioni. Ci si può rendere perfettamente conto di questo nel constatare il numero elevato di bimbi malnutriti, in carenza di proteine, che regolarmente hanno bisogno dell’aiuto del Centro Nutrizionale di Babonde denominato “TALITA KUM”.

Centro nutrizione TALITA KUM - Babonde (38)
Babonde – Centro nutrizionale TALITA KUM

Un animale da cortile o un sacco di fagioli o di riso pronto ad essere venduto in caso di necessità e urgenze (scuola, malattie, viaggio) è come avere un conto in banca. Senza queste “riserve” si può essere facilmente in balia degli eventi.

Come si può ben immaginare il lavoro non è meccanizzato e risulta essere davvero duro, faticoso e logorante.

A partire dal 2017 abbiamo facilitato alcuni gruppi di persone a costituirsi in “comité”, comitato, per introdurre la COLTIVAZIONE del CACAO accanto a quella del CAFFE’ e per introdurre l’ALLEVAMENTO DI MAIALI di una razza migliore di quella locale. Un piccolo stagno serve da alcuni anni per la PISCICOLTURA. In tutto questo siamo assistiti da un AGRONOMO.

La COSTRUZIONE DI UNA STALLA per maiali è già stata reallizzata. E’ a dimensione familiare e può beneficiare provvisoriamente della consulenza / assistenza di un veterinario che viene da una città vicina, desideriamo replicarla in altri villaggi vicini con la costituzione di altri comitati locali.

Acquisto di sementi di cacao, e materiale per la costruzione di piccole stalle ha bisogno di un aiuto economico in modo da incoraggiare la popolazione locale. Stimiamo di poter aiutare i comitati locali – costituitisi in cooperativa –  con la fornitura del materiale necessario, per un valore di 500 euro, ma anche i piccoli aiuti potranno fare molto.

Un’altra necessità è quella di far studiare una giovane persona del posto in modo che possa un domani esercitare la professione di VETERINARIO con le nozioni e le capacità tecniche per contrastare le malattie che spesso decimano maiali (peste porcina) e polli (influenza aviaria).

Sostieni progetto

grazie mission